Una poesia di Cristina Biolcati

Rêverie

 

C’è un campo di grano

cui con la mente torno,

fatto di cieli azzurri e solchi.

Dove cantano gli uccelli

e nessun suono è tetro.

Sarà la voglia di pensare

che di libertà si sfama,

oppure per la gioia di tornare

ad un trascorso lieto.

Quando cala la notte

e i muri si stringono,

immensamente credo

di galleggiare fra le spighe.

 

Cristina Biolcati è ferrarese, ma padovana d’adozione. Laureata in lettere, ama molto leggere. Scrive poesie e racconti brevi. Fra le sue passioni: gli animali, l’arte e la filosofia. Collabora con alcune riviste digitali, dove scrive recensioni di libri e articoli letterari. Opere pubblicate: Se Robin Hood sapesse (Delos Digital, 2017); Ciclamini al re (Delos Digital, 2018); L’uomo di marmellata (Delos Digital, 2019); Le congetture di Bonelli (Delos Digital, 2020). Partecipa spesso a concorsi, ed è presente coi suoi racconti e poesie in molte antologie collettive.

Precedente Una poesia di Stefano De Marco Successivo Una poesia di Giovanni Battista Quinto