Leggere Poesia è un blog che ospita poeti del passato e poeti contemporanei con le loro opere. E’ una vetrina per conoscere i poeti che hanno segnato la storia e per scoprire i nuovi poeti di oggi.

Direzione del Blog: Michela Zanarella, Lorenzo Spurio, Elisabetta Bagli, Antonio Corona.

Collaboratori del Blog: Johanna Finocchiaro, Francesco Nugnes, Immacolata Rosso.

Michela Zanarella

Michela Zanarella è nata a Cittadella (PD) nel 1980. Dal 2007 vive e lavora a Roma. Ha pubblicato le seguenti raccolte di poesia: Credo (2006), Risvegli (2008), Vita, infinito, paradisi (2009), Sensualità (2011), Meditazioni al femminile (2012), L’estetica dell’oltre (2013), Le identità del cielo (2013), Tragicamente rosso (2015), Le parole accanto (2017), L’esigenza del silenzio (2018), L’istinto altrove (2019). In Romania è uscita in edizione bilingue la raccolta Imensele coincidenţe (2015). Negli Stati Uniti è uscita in edizione inglese la raccolta tradotta da Leanne Hoppe “Meditations in the Feminine”, edita da Bordighera Press (2018). Autrice di libri di narrativa e testi per il teatro, è redattrice di Periodico italiano Magazine e Laici.it. È tra gli otto coautori del romanzo di Federico Moccia “La ragazza di Roma Nord” edito da SEM. Le sue poesie sono state tradotte in inglese, francese, arabo, spagnolo, rumeno, serbo, greco, portoghese, hindi e giapponese. Ha ottenuto il Creativity Prize al Premio Internazionale Naji Naaman’s 2016. È ambasciatrice per la cultura e rappresenta l’Italia in Libano per la Fondazione Naji Naaman. È speaker di Radio Doppio Zero. Socio corrispondente dell’Accademia Cosentina, fondata nel 1511 da Aulo Giano Parrasio. Collabora con EMUI_ EuroMed University, piattaforma interuniversitaria europea, e si occupa di relazioni internazionali. Già Presidente della Rete Italiana per il Dialogo Euro-Mediterraneo (RIDE-APS), Capofila italiano della Fondazione Anna Lindh (ALF). Presidente Onorario dell’Enciclopedia Poetica WikiPoesia.

Spurio

Lorenzo Spurio

Lorenzo Spurio è nato a Jesi (AN) nel 1985. Si è laureato in Lingue e Letterature Moderne all’Università degli Studi di Perugia con una tesi sull’autore britannico Ian McEwan. Per la poesia ha pubblicato le sillogi Neoplasie civili (2014), Le acque depresse (2016), Tra gli aranci e la menta. Recitativo dell’assenza per Federico Garcia Lorca (2016) ad ottanta anni dall’assassinio del poeta granadino e Pareidolia (2018). Ha curato varie antologie poetiche, tra cui Borghi, città e periferie: l’antologia del dinamismo urbano (2015), Convivio in versi. Mappatura democratica della poesia marchigiana (2016), Non uccidere. Caino e Abele dei nostri giorni (2017), Adriatico: emozioni tra parole d’onde e sentimenti (2017) e Sicilia. Viaggio in versi (2019). Numerose le sue poesie pubblicate in riviste, siti specializzati ed opere antologiche. Per la narrativa ha pubblicato le raccolte di racconti: Ritorno ad Ancona e altre storie (2012), La cucina arancione (2013), L’opossum nell’armadio (2015) e Le due valigie e altri racconti (2018). Alla sua produzione narrativa il critico letterario Lucia Bonanni ha dedicato la monografia Linee esegetiche attorno all’opera narrativa di Lorenzo Spurio (2019). Quale critico letterario si è occupato prevalentemente di narrativa straniera; ha pubblicato: Jane Eyre, una rilettura contemporanea (2011), La metafora del giardino in letteratura (2011), Flyte & Tallis: Una analisi ravvicinata di due grandi romanzi della letteratura inglese: Espiazione di Ian McEwan e Ritorno a Brideshead di Evelyn Waugh (2012), Ian McEwan: sesso e perversione (2014), Il sangue, no. L’aporia della vita in ‘La ballata di Adam Henry’ di Ian McEwan (2015), Cattivi dentro. Dominazione, violenza e deviazione in opere scelte della letteratura straniera (2018). Vari saggi letterari e suoi contributi sono presenti in collettanee, volumi antologici ed edizioni critiche, oltre a un cospicuo numero di prefazioni e note critiche ad autori contemporanei.  Nel volume La parola di seta. Interviste ai poeti d’oggi (2015) ha raccolto una serie di interviste fatte negli anni 2012-2015 ad esponenti di spicco della poesia italiana contemporanea mentre in Scritti marchigiani. Diapositive e istantanee letterarie (2017) una raccolta di saggi, recensioni e note di approfondimento su autori della sua Regione alla quale è seguito il saggio La giovane poesia marchigiana (2019).  È Presidente dell’Associazione Culturale Euterpe di Jesi (AN), Fondatore e Presidente del Premio Nazionale di Poesia “L’arte in versi” e Presidente di Giuria in vari premi letterari tra i quali “Città di Chieti” e “Città di Porto Recanati – Premio Spec. Renato Pigliacampo”, Socio Corrispondente dell’Accademia Cosentina, Socio Onorario dell’ASAS di Messina e Accademico Onorario dell’Accademia Regionale dei Poeti Siciliani “Federico II” di Marsala. Numerosi i premi letterari ottenuti sia per la poesia che la saggistica in numerosi concorsi e competizioni a livello nazionale e internazionali.

Elisabetta Bagli

Elisabetta Bagli

Elisabetta Bagli è nata a Roma e vive a Madrid dal 2002. Laureata in Economia e Commercio presso La Sapienza di Roma. È traduttrice, scrittrice, poetessa, saggista, articolista, redattrice di prefazioni e postfazioni, corrispondente radio. Alcune delle sue poesie e scritti sono stati tradotti in varie lingue. È autrice delle sillogi poetice: “Voce” (con la sua edizione spagnola “Voz” per la casa editrice madrilena Vitruvio), “Dietro lo sguardo”“Le nostre due anime”“Dal Mediterraneo”. È, altresì, autrice di “Riflessi allo Specchio”, una raccolta di racconti e di “Mina la Fatina del Lago di Cristallo” una favola per bambini. Scrive anche articoli e saggi per giornali e riviste online in tutto il mondo. È responsabile del World Festival of Poetry (WFP) per la Spagna. È Segretario Nazionale per la Spagna dell’AIM (Associazione per l’Italia nel Mondo) con sede a Roma, associazione che ha un’ampia distribuzione in più di 50 Paesi. È corrispondente per la Spagna di Radio ICN di NY, la radio degli italiani negli USA. È responsabile per la Spagna della Poetry Sound Library e della Voices of the Trees, progetti ideati a Londra dall’artista Giovanna Iorio e diffusi in tutto il mondo. È coordinatrice per la Spagna dell’Unión Mundial de Poetas por la Paz y la Libertad. Da dicembre 2019 è membro onorario della ONG THRibune, Tribune for Human Rights, con sede a Madrid. Fa parte dei collettivi artistici internazionali con sede in Messico: Colectivo Cultural Internacional Utopía Poética Universal, Colectivo Hermanados por la Cultura, Colectivo Uniendo Sueños.  È membro onorario dell’International University of Peace, con sede a Lugano. È socio onorario dell’Associazione Culturale L’Oceano nell’Anima di Bari. Dal 31 ottobre 2016 è membro accademico presso l’Accademia Internazionale Il Convivio di Castiglione di Sicilia. Ha collaborato con il Com.It.Es di Madrid e con la Camera di Commercio Italiana di Madrid per l’organizzazione di eventi. È presidente e membro di giuria di numerosi premi letterari italiani e internazionali. Partecipa ad antologie collettive nazionali e internazionali. Ha collaborato con la Fondazione Esther Koplowitz per eventi artistici. Ha ricevuto molti premi prestigiosi, tra cui il Diploma d’onore Mayte Spínola per merito artistico dal gruppo Pro Arte y Cultura nel 2017 e la Distinción mujer destacada en la cultura 2019 assegnato dal Foro Femenino Latinoamericano di Mar del Plata (Argentina). L’Ambasciatore italiano in Spagna Stefano Sannino le ha conferito il Premio all’italianità per la Cultura 2019. A luglio 2020 ha ricevuto il Naji Naaman Literary Prize 2020 in Libano.

Antonio Corona

Antonio Corona è nato a Sassari (1972), è risiede nella città di Torino dal 2011.È laureato in Medicina Veterinaria, dottore di ricerca e titolo di specializzazione, autore di numerose pubblicazioni scientifiche su riviste nazionali ed internazionali. Appassionato d’arte, di cucina e di poesia fin da bambino. È consigliere dell’Associazione Culturale “Vivere d’arte”, con sede in Torino. La decisione di pubblicare poesia arriva solo nel 2020 e le prime gratificazioni lo incoraggiano e stimolano a un sempre maggiore impegno in questo settore. Nell’aprile 2020, il suo primo libro “I segreti del cuocore” edito da Ensemble, è una raccolta di poesie e ricette. A novembre dello stesso anno, la seconda silloge “Ritorneremo ad essere” #poesievirali, edito da Albatros Il Filo che si aggiudica il Premio Giuria al premio Internazionale Emozioni Poetiche del 2021. Ma è nel settembre 2021 che esce la sua terza e più sentita raccolta poetica “Controfobie”, edita da Eretica Edizioni. Nel frattempo partecipa alla realizzazione di diverse antologie poetiche tra cui: “Dalla stessa parte” – uomini contro la violenza sulle donne – a cura di Salvatore Contessini e Salvatore Sblando per La Vita Felice, ottobre 2021. Agenda2022 – Un’agenda speciale dedicata alla poesia, ideata da Ensemble edizioni e a cura di Ignazio Pappalardo e Claudia Ferrari, dicembre 2021. Attualmente partecipa a numerosi concorsi letterari nazionali ed internazionali aggiudicandosi diverse segnalazioni di merito e menzioni d’onore. Fa parte del Gruppo di esplorazione letteraria dei Poeti Emozionali  dal giugno 2020, di cui in particolare cura sito internet e social media. Maggiori informazioni su Antonio sono reperibili su: http://www.antoniocorona.net o https://www.scrittoriitaliani.net/scheda/1114.acpoesia

Johanna Finocchiaro

Johanna Finocchiaro nasce a Torino il 7 settembre 1990, in un decennio tutto in divenire, tra passato e futuro.
La famiglia ha origini siciliane, un’impronta che porta nel cuore e nel DNA, ma lei e il fratello maggiore crescono in Piemonte, terra adottiva a cui è molto legata. La sua è una sensazione di doppia ricchezza; ne è fiera e grata. Troppo vivace, troppo sensibile, troppo sognatrice, troppo insofferente per adeguarsi all’età adulta, uno sforzo che rimanda a data da definirsi. Studia e insegna lingue (contando l’italiano, sei e tutte meravigliose): ama pensarle come ponti che gettino le basi tra esseri umani, soprattutto laddove il terreno è più fragile. Eterna curiosa, adora leggere, viaggiare, la musica e l’arte. Spirito solitario all’occorrenza, si dedica da sempre alla scrittura, suo naturale e impellente bisogno quanto suo indiscusso “padrone”. La Poesia la sceglie e la rappresenta. Un mondo d’infiniti significati nascosti, che vuole scoprire uno ad uno e offrire, dal suo personale punto d’osservazione, al lettore. Riceve alcuni riconoscimenti nazionali, partecipa a una raccolta lirica corale (Tracce) edita dalla Casa Editrice Pagine, a numerose antologie; pubblica un e-book con Lupi Editore. Infine, come ultima fatica letteraria, nel 2020 è la volta della silloge Clic (L’Erudita Editore). Amici pochi, malinconica, felicemente zia, terribilmente insicura, leale, caparbia. Innamorata. Maggiori informazioni su:https://www.scrittoriitaliani.net/scheda/1095.finocchiaro

.

Francesco Nugnes

Francesco Nugnes è nato a Milano il 25 dicembre 1982. La sua famiglia si trasferisce a Torino, la città che ama, dove studia e inizia a lavorare in banca. Quando finisce la sua giornata piena di numeri inizia il suo tempo libero dedicato alle lettere: oltre la scrittura le sue passioni sono la pallacanestro e la musica rock dalle sue origini ad oggi. Nel 2018 partecipa  ad un concorso di poesia di Aletti. Viene selezionato con i testi “La musica è il tuo rifugio” e “Chissà cosa diresti” rispettivamente nelle Antologie ‘Cet Scuola Autori di Mogol’ e ‘Alessandro Quasimodo legge i Poeti italiani contemporanei’. Investe nella sua formazione e partecipa a due laboratori di scrittura poetica con i docenti Giuseppe Aletti, Francesco Gazzè e Mogol. La sua ambizione è scrivere testi di canzone e proprio il suo primo testo diventato melodia “Papà di cosa è fatta la luna?” dà il titolo alla sua prima raccolta di poesie. Tempo, natura, amore, emozioni e istanti sono i temi che ricorrono principalmente nei suoi componimenti. Da maggio 2019 presenta il suo libro con eventi di poesia e musica. Fa parte del Gruppo di esplorazione letteraria dei Poeti Emozionali  dal giugno 2020, occupandosi in particolare dell’organizzazione di eventi poetici e artistici.

Immacolata Rosso

Immacolata Rosso è nata ad Avellino nel Gennaio del 1976. Di professione energy broker, risiede con la famiglia in provincia di Caserta. Ha pubblicato la raccolta di poesie “Sulle rive del tempo” (2018), con la Casa Editrice Controluna. “Il treno del ritorno” (2019), è il suo secondo libro, pubblicato con la Casa Editrice Ensemble, di Roma. Ha partecipato a diversi concorsi, ottenendo sempre buoni piazzamenti. Per citarne solo alcuni, il “Concorso Letterario Enrico Caruso” (4° posto), il “prestigioso concorso “A.U.P.I. – Poeta dell’anno” (5° posto con la silloge “Sulle rive del tempo”), il “Premio Internazionale LEA – L’Essere Armonia” (Menzione D’Onore), e diversi altri riconoscimenti in tutta Italia. Nel Giugno 2020 entra a far parte della corrente dei Poeti Emozionali. Per Immacolata, scrivere poesie è un viaggio in sé stessi, senza preoccuparsi del panorama non proprio idilliaco, delle strade sterrate e delle erbacce che si possono incontrare lungo il cammino. Perché se è vero che ognuno di noi ha bisogno di trovare il suo posto in cui vivere, è anche vero che quel posticino del cuore, in riva a un lago, lo si deve conquistare un po’ alla volta, liberandolo dalla polvere e dalla fuliggine accumulata spesso senza esserne consapevoli, fino a ripulirlo da tutto ciò che impedisce di stare bene, fino a creare quel luogo perfetto dove sentirsi pienamente sé stessi, e al sicuro. Quel luogo da chiamare finalmente “casa”.