Poesie di Ana León Fernández

Fiore d’amore

 

Passi sonori avanzano lentamente,

segnando impronte nel silenzio;

chiedo pietà all’arido campo,

ragione che illumina di nuovo questo amore.

 

Uccelli volano senza freno,

l’aria separa queste tempeste,

la pioggia purifica la tristezza

e il sole splende in questo inverno.

 

Spuntano delle radici dal terreno,

il seme in fiore di un amore puro,

la vita cerca la luce del cielo,

chiede clamore all’Universo.

 

Scrivo speranza nei miei sogni,

baciando la mia matita come un incantesimo,

guardando l’orizzonte nel caso ti vedessi,

segnando le lettere mentre ti penso.

 

 

Canzoni della solitudine

 

Si sfogliano le margherite,

gli inverni sono confusi,

il mio pensiero vola,

l’irrealtà irrompe.

Sento il vuoto che mi brucia

l’eco del silenzio,

il canto dei cardellini,

la solitudine al mio tavolo.

Tocco il mio viso senza le tue impronte

bagnato di lacrime pesanti,

le mie mani raccolgono da terra

le gocce d’amore senza vederle.

Le mie pupille offuscano il mio sguardo,

il tuo splendore è fuggito una mattina,

la porta nasconde dietro il suo recinto

il mio triste e delicato desiderio.

Voglio essere il tuo sole al primo mattino,

la notte che aspetta senza sosta,

un cassetto di segreti nudi,

la chiave che sta nel tuo cuore,

il calore nella mano che ti afferra,

la carezza di seta che illumina il tuo viso,

il sorriso senza padrone nel tuo desiderio,

il carisma che avvolge la tua anima.

Tradotto all’italiano da Elisabetta Bagli

 

 

129722246_1341782399496647_7117520716478289563_nAna León è nata a Malaga, in Spagna.

Ha partecipato al Festival Nazionale 2019 nella città di M´diq in Marocco.

Antologie poetiche alle quali ha preso parte sono : “De Tetuán a Álora”, Post Vanguardia internacional, Poetas Ahora ed ha partecipato a molte trasmissioni Radio e della Televisione nazionali e internazionali a Málaga.