Estate, una poesia di Pavol Janik


SUMMER

 

 

The sun smashes our windows.

An urgent song reaches us from the street.

 

On the cellophane sky

steam condenses.

Unconfirmed reports are reproduced

about the wind.

 

The trees are the first to begin to talk

about the two of us.

(1981)

 

traduzione in italiano di Michela Zanarella

Estate

Il sole picchia sui vetri.

Una canzone martellante ci raggiunge dalla strada.

 

In un cielo di cellophane

il vapore si condensa.

Delle indiscrezioni vengono riprodotte

dal vento.

 

Gli alberi sono i primi ad iniziare a parlare

di noi.

Pavol Janik è un poeta, drammaturgo, narratore, traduttore, pubblicista e copywriter. La sua attività letteraria si concentra principalmente sulla poesia. Anche il suo primo libro di poesie, pubblicato nel 1981, ha attirato l’attenzione delle autorità slovacche negli ambienti culturali. Le opere letterarie di Pavol Janik sono state pubblicate non solo in Slovacchia, ma anche in Albania, Bielorussia, Bulgaria, Canada, Cile, Croazia, Repubblica Ceca, Francia, Ungheria, India, Israele, Giordania, Kosovo, Macedonia, Nepal, Romania, Federazione russa, Serbia, Corea del Sud, Turchia, Ucraina, Regno Unito, Stati Uniti d’America e Venezuela.

Precedente Jesi si veste di poesia, da tutta Italia per la premiazione del V Premio 'L’arte in versi' Successivo "L'inno dell'agonia" di Malek Saleh